Ciao ragazze! Ciao ragazzi!

uno dei trattamenti più amati e discussi degli ultimi anni è sicuramente la radiofrequenza. Spesso però, quando si parla di radiofrequenza si tende a fare confusione per via del fatto che ne esistono di tanti tipi, per cui è difficile scegliere e capire quale faccia al caso nostro… per questo motivo ho pensato di fare chiarezza con un articolo che spieghi bene cosa sia la radiofrequenza e quale scegliere per avere degli ottimi risultati.

Ve ne parlo oggi perché questo tipo di trattamento è uno di quelli che preferisco e che io stessa utilizzo maggiormente per mantenere la mia pelle tonica ed elastica, e che abbino alla biostimolazione una volta al mese. 

COS’É LA RADIOFREQUENZA?

La radiofrequenza è un trattamento di medicina estetica indolore e non invasivo, che può essere effettuato sia sul viso che sul corpo, ed agisce contrastando i segni del tempo, le rughe, la lassità cutanea ed anche gli accumuli di tessuto adiposo.

l principio alla base del suo funzionamento è il calore emesso attraverso delle onde radio che viene veicolato da speciali manipoli i quali, a contatto con la pelle, riescono a stimolare i fibroblasti e la produzione di nuovo collagene, elastina e acido ialuronico. Si effettua, quindi un vero e proprio skin tightening del tessuto, la pelle quindi appare immediatamente più tirata, come se si effettuasse un vero e proprio lifting proprio grazie alla contrazione delle fibre di collagene date dal calore. L’azione dell’energia termica, inoltre, non si esaurisce qui, ma fa aumentare il flusso sanguigno locale, comportando una maggiore ossigenazione e nutrimento delle cellule cutanee. 

Il collagene è la proteina più importante della pelle che, con il passare del tempo ed anche a causa dei cambiamenti ormonali, perde concentrazione e, di conseguenza, la nostra pelle appare meno elastica. Quando questo succede anche la barriera cutanea ed il film idrolipidico sono meno resistenti, e la pelle è più soggetta a macchie, arrossamenti, discromie, ad un colorito non più uniforme. 

Per capire se la vostra pelle ha già iniziato a perdere elasticità potete fare una semplicissima prova: datevi un piccolo pizzicotto anche sotto il contorno occhi, se la pelle ha difficoltà a tornare nella propria posizione iniziale si tratterà di un tessuto che ha perso la sua elasticità.

QUANTI TIPI DI RADIOFREQUENZA ESISTONO?

É facile confondersi, dal momento che non esiste un unico tipo di radiofrequenza. Spesso infatti sentiamo parlare di radiofrequenza “monopolare”, “bipolare”, “multipolare” e via dicendo. 

Premetto subito che non c’è una radiofrequenza migliore dell’altra ma che si tratta di metodiche differenti che si basano su diversi sistemi di trasmissione. La prima radiofrequenza ad affacciarsi sul mercato è stata la monopolare che veniva utilizzata in chirurgia con gli elettrobisturi che lavoravano con una piastra ed un elettrodo attivo molto piccolo, creando una vera e propria vaporizzazione dei tessuti. 

Successivamente queste radiofrequenze sono state modulate in vari modi per avere delle applicazioni anche in campo estetico. Il primo sistema di radiofrequenza è stato, quindi, il monopolare che prevede un determinato percorso che compie la corrente tra il polo e la piastra. La radiofrequenza monopolare si lavora “in motion”, cioè in movimento, passando il manipolo velocemente da una zona all’altra. Questo tipo di radiofrequenza è ottima sulle zone più vaste, come l’intero viso o parti come le gambe, l’addome o il bacino. 

La radiofrequenza bipolare è invece generalmente una radiofrequenza statica (o “a impulsi”) ed è selettiva, ciò significa che la frequenza è concentrata su entrambi i poli e generalmente i suoi manipoli sono molto stretti, per cui si riesce a lavorare, appunto, in maniera “selettiva” su ogni porzione di pelle trattata. 

Ci sono poi le radiofrequenze multipolari, come la esapolare (che si presenta con 3 poli positivi e 3 negativi) dove l’energia è distribuita su tutti i poli che si interfacciano tra di loro. Generalmente questo tipo di radiofrequenza lavora sempre in motion per evitare surriscaldamenti eccessivi, e viene associata ad altre metodiche per un effetto a 360 gradi.

L’importante è rivolgersi sempre a persone a cui ci si fida che scelgano sempre il tipo di radiofrequenza più adatto per trattare la problematica della persona che si presenta.

Il calore emesso sull’epidermide è di circa 35°, mentre saliamo a quasi 60° per il derma, che rappresenta lo strato più profondo. Nonostante ciò, il trattamento risulta praticamente indolore e, a parte un piccolo rossore che comunque scompare nel giro di poche ore, il viso apparirà già dalla prima seduta più luminoso e disteso, e le rughe saranno attenuate. Ovviamente è necessario anche adottare qualche piccola precauzione dopo il trattamento, come evitare di esporsi al sole e, per qualche giorno, rinunciare anche a docce calde, saune o bagni turchi in quanto questi ambienti caldi e umidi comportando un’ulteriore esposizione della pelle a fonti di calore, possono stressarla ulteriormente, causando un effetto opposto.

Come ogni trattamento di medicina estetica, la radiofrequenza è ottima ma non fa miracoli se non è abbinata anche ad uno stile di vita appropriato e ad un’alimentazione corretta. Inoltre, per avere risultati più duraturi, bisogna effettuare più sedute, almeno 7-10 e farne diversi cicli a distanza di un mese per mantenere alto il livello di collagene del tessuto.

Non avendo particolari controindicazioni, la radiofrequenza più essere effettuata da chiunque, tranne in alcune situazioni specifiche, come la gravidanza e l’allattamento, o da chi soffre di problemi cardiaci, di couperose, diabete, vene varicose, epilessia ed aritmie. Inoltre, se si ha un’infiammazione o un’infezione, è meglio aspettare che queste passino o che la pelle si rimargini prima di effettuare il trattamento.

Da chi può essere effettuata la radiofrequenza?

Esiste la radiofrequenza medicale e quella che viene solitamente effettuata nei centri estetici. La differenza? Che in quest’ultimo caso è possibile eseguire solo trattamenti a bassa frequenza, fino a un massimo di 50 W. 

Se questa è la regola, è possibile effettuare una radiofrequenza medicale anche in alcuni centri estetici. Il mio centro BodyFaceStudio è uno di quelli, grazie ai nostri macchinari di ultima generazione che vengono utilizzati sui nostri clienti in collaborazione con medici estetici e professionisti del settore. Ecco i nostri apparecchi top di gamma per la radiofrequenza:

  • Reaction di VIORA. Questo è il nostro super macchinario per una radiofrequenza bipolare e multistrato. La sua particolarità è quella di abbinare la classica radiofrequenza ad un trattamento vacuum con quattro differenti livelli di intensità, per una ulteriore stimolazione al collagene, effettuato con uno speciale manipolo. Questo dispositivo, essendo multistrato, permette una penetrazione cutanea più ampia in tutti gli strati del derma, per un effetto maggiore. Le fibre tissutali si contrarranno istantaneamente, per un risultato immediatamente rassodato e levigato. Allo stesso tempo, per effetto termico, si induce la naturale sintesi di collagene per una completa riduzione delle rughe. Si tratta quindi di un macchinario molto completo che permette di trattare al meglio ogni zona del corpo e di agire sia sulla cellulite, sui tessuti adiposi, e sul viso, grazie anche alla presenza di differenti applicatori pensati apposta per il modellamento facciale, per quello del corpo e per il rassodamento.

Se volete già iniziare a pensare alla prova costume, Reaction è il trattamento perfetto dal momento che il calore veicolato arriva in profondità e riesce a distruggere e scomporre le cellule adipose, che vengono successivamente drenate dal vacuum.  Ciò grazie al fatto che il riscaldamento degli strati di tessuto sub cutaneo genera fibre di collagene che rafforzano il derma contro l’invasione di adipociti e stimola la lipolisi per ridurre il volume delle cellule adipose. Allo stesso tempo migliora la circolazione sanguigna su tutta la zona trattata.
  • PROFACIAL. Questo macchinario per una pulizia del viso professionale e medicale abbina, all’interno della sua piattaforma, anche una radiofrequenza esapolare monostrato. Questa radiofrequenza viene quindi abbinata agli altri step della pulizia, che comprendono, oltre alla detersione ed alla pulizia vera e propria, anche il peeling. Per cui non solo i pori del viso saranno liberati da acne e impurità, ma si agisce anche migliorando l’elasticità della pelle, il tessuto cutaneo e stimolando la produzione di collagene e di elastina.
  • Crio T-Shock. Questo nuovissimo macchinario, dotato di manipoli molto grandi, è pensato apposta per effettuare una radiofrequenza sul corpo, finalizzata a sciogliere il grasso tramite questo speciale protocollo che prevede la combinazione di crio, cavitazione e radiofrequenza. Attraverso un apposito manipolo si raggiungono, con l’aiuto del freddo-caldo, le cellule adipose, mandandole in necrosi durante la fase di raffreddamento. Nei giorni successivi al trattamento, il nostro stesso organismo riesce a smaltire le cellule di grasso, che dovranno successivamente essere drenate per eliminare le scorie. Questo trattamento è ideale per di dimagrimento localizzato, la cellulite, per problemi di ritenzione idrica e di tessuti ipotonici.

Per qualsiasi chiarimento o prenotazioni potete rivolgervi al mio staff chiamando il numero 3496837650 così fisseremo una consulenza con i nostri specialisti, in grado di concordare il trattamento che più fa al caso vostro.

Se l’articolo vi è piaciuto, date anche un’occhiata a questi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.